Commercio recente & Prospettive tariffarie

14 settembre 2022 | Jeff Simpson Direttore della Conformità

Vista aerea di una nave container che viene guidata verso il mare 
Le procure per l'esportazione e l'importazione sono la stessa cosa?

La risposta breve a questa domanda relativamente semplice? No. Le procure di esportazione e di importazione non sono la stessa cosa e non possono essere utilizzate in modo intercambiabile. Che ci creda o no, si tratta di un concetto molto frainteso nel settore da molti esportatori e importatori. Il fatto è che le varie Agenzie Federali che controllano le importazioni, o al contrario le esportazioni, hanno requisiti molto diversi. In effetti, una serie di regolamenti non richiede affatto una procura (POA), ma ne parleremo tra poco.

Ascolti la Prospettiva tariffaria di questa settimana di Trade & (registrata in inglese):

Audio for export and import powers of attorney
Che cos'è un POA?

Innanzitutto, analizziamo rapidamente cos'è un POA. In termini generali, un POA è un documento legale che consente a una persona (o a un'entità) designata di prendere decisioni o rappresentanze legali per conto della persona che firma il POA. Nel nostro mondo, un POA è più specificamente concepito per lo sdoganamento (svolgimento di attività doganali) per le importazioni e per la segnalazione di Informazioni Elettroniche sulle Esportazioni (EEI) per le esportazioni.

E i requisiti doganali?

I POA doganali sono coperti dai Regolamenti doganali degli Stati Uniti, 19 CFR Sottoparte C (§ 141.31 - 141.46) e 19 CFR § 165.3. Come da 19 CFR § 141.46 (procura conservata dal broker doganale):

"Prima di concludere affari doganali a nome del suo principale, un broker doganale deve ottenere una procura valida per farlo. Non è tenuto a presentare la procura al CBP. I mediatori doganali dovranno conservare le procure con i loro libri e documenti e renderle disponibili....".

Ciò significa che deve essere depositato un POA doganale prima che un broker doganale possa effettuare operazioni doganali per conto dell'importatore. Questo è specifico per le importazioni e deve essere firmato da un funzionario dell'azienda.

Di cosa abbiamo bisogno per le esportazioni?

I POA per l'esportazione non sono coperti dal 19 CFR, sono gestiti in modo molto diverso e hanno requisiti unici. Per le esportazioni, i requisiti si trovano nella 15 CFR Parte 30 - i Regolamenti sul Commercio Estero (FTR), che fa capo al Censimento degli Stati Uniti. Per esempio, il 15 CFR § 30.1 definisce una procura come:

"Un'autorizzazione legale, in forma scritta, da parte di un USPPI [United States Principal Party in Interest] o FPPI [Foreign Principal Party in Interest] che dichiari che un agente ha l'autorità di agire come vero e legittimo agente della parte principale ai fini della preparazione e del deposito dell'EEI [Electronic Export Information] in conformità alle leggi e ai regolamenti degli Stati Uniti".

Il punto critico di quanto sopra è la parte che afferma: "Un agente ha l'autorità di agire come vero e legittimo agente della parte principale ai fini della preparazione e del deposito dell'EEI". In un POA per l'esportazione, deve essere chiaramente indicato che lo spedizioniere ha l'autorizzazione a preparare e depositare l'EEI. Senza questa specifica autorizzazione - che non si trova quasi mai in un POA doganale - noi, in qualità di agenti, non possiamo depositare per conto di un USPPI.

Per complicare ulteriormente le cose, il 15 CFR §30.3 (Requisiti del depositante di informazioni elettroniche sull'esportazione, parti delle transazioni di esportazione e responsabilità delle parti delle transazioni di esportazione) stabilisce le responsabilità di ciascuna parte in una transazione di esportazione, compresi i requisiti per ottenere un POA di esportazione. Ad esempio, il 15 CFR §30.3(c)(2)(ii) afferma:

"L'agente, se autorizzato da un USPPI a preparare e depositare l'EEI per una transazione di esportazione, è tenuto a svolgere le seguenti attività... Ottenere una procura o un'autorizzazione scritta dall'USPPI per depositare l'EEI".

È qui che le cose iniziano a farsi interessanti per le esportazioni. Proprio come nel caso di un POA per l'importazione, un POA per l'esportazione deve essere firmato da un funzionario della società. Tuttavia, si noti la formulazione di 30.3 (c)(2)(ii), che recita: "Ottenere una procura o un'autorizzazione scritta". Ciò significa che per le esportazioni abbiamo altre opzioni oltre al POA, in particolare l'uso di una Lettera di istruzioni del mittente (SLI) generata dallo spedizioniere o un'altra forma di autorizzazione scritta, che sono opzioni accettabili per le esportazioni.

Maggiori informazioni sulla SLI

Lo scopo principale di una SLI è proprio quello di fungere da strumento di comunicazione tra l'esportatore e lo spedizioniere sui dettagli della spedizione. Tuttavia, se si esamina attentamente la formulazione di uno SLI emesso da uno spedizioniere, si troverà una formulazione specifica che autorizza. che lo spedizioniere "prepari e depositi l'EEI" per quella specifica spedizione. Questa è l'autorizzazione scritta richiesta dal FTR, e le SLI generalmente non sono firmate da un funzionario dell'azienda.

In base a questo linguaggio specifico del FTR, potrebbe non essere necessario un POA per soddisfare questi requisiti normativi. L'uso di uno SLI in base alla spedizione può essere appropriato. Forse l'esportatore vuole avere un POA a lungo termine in archivio, mentre altri preferiscono avere una SLI o Lettera di autorizzazione all'archiviazione permanente firmata da un'altra persona all'interno dell'azienda che non sia un funzionario. Sono tutti conformi se l'autorizzazione specifica a depositare l'EEI è esplicitamente richiamata.

Conclusione

Come abbiamo visto, anche in questa spiegazione di alto livello, ci sono differenze marcate tra i POA di importazione e di esportazione. I POA (o autorizzazioni) di importazione e di esportazione non sono intercambiabili e la formulazione di ciascuno di essi è specifica per il particolare insieme di normative che regolano l'attività da intraprendere (cioè, "limitazioni di importazione" o "limitazioni di esportazione"). Tutte le parti coinvolte devono comprendere le differenze chiave tra le due distinte serie di normative e il modo in cui tutte le parti possono essere conformi a seconda delle circostanze specifiche e del modello aziendale.

Ha altre domande o desidera ulteriore assistenza su questa o altre questioni doganali e commerciali? Si colleghi con uno dei nostri esperti di politica commerciale per saperne di più.


Le nostre informazioni sono raccolte da una serie di fonti che, al meglio delle nostre conoscenze, sono accurate e corrette. È sempre intenzione della nostra azienda presentare informazioni accurate. C.H. Robinson non si assume alcuna responsabilità per le informazioni pubblicate nel presente documento.

Rivedi le prospettive recenti

warehouse employees looking at a clipboard with freight boxes

Hai domande relative al commercio o alle tariffe?