Commercio recente & Prospettive tariffarie

3 agosto 2022 | Jessica Woltering Manager Conformità alle importazioni degli Stati Uniti

vista ravvicinata di cartamoneta in varie valute 

Uno sguardo più approfondito su Ecommerce e De Minimis

Ascolta la rubrica Trade & Tariff Perspective di questa settimana:


Che cos'è l'e-commerce?

L'ecommerce è l'acquisto e la vendita di beni e servizi o la trasmissione di denaro o dati effettuata elettronicamente su Internet. La rapida crescita e la facilità del commercio elettronico consentono ai consumatori di cercare e acquistare milioni di prodotti da venditori online che non avrebbero la possibilità di acquistare di persona. I tipi più comuni di transazioni di ecommerce sono business to business (B2B), business to consumer (B2C) e consumer to consumer. Tuttavia, la United States Customs and Border Protection non dispone attualmente di uno standard per le dimensioni degli imballaggi o di una definizione formale di commercio elettronico.

De Minimis: In latino significa "la legge non si cura delle cose piccole".

La soglia de minimis è un limite di valore stabilito da ciascun Paese e consente alla maggior parte delle merci di entrare nel commercio di quel Paese senza un ingresso formale o il pagamento di dazi, tasse o imposte. Il valore de minimis degli Stati Uniti è fissato a 800 dollari, aumentato rispetto ai 200 dollari del 2016.

Gli Stati Uniti hanno uno dei valori de minimis per le spedizioni commerciali più alti al mondo, seguiti da Australia (700 dollari), Bahrein (750 dollari) e Nuova Zelanda (706 dollari). In confronto, molti Paesi hanno un valore de minimis notevolmente inferiore, come il Canada (15 dollari USA), l'Indonesia (3 dollari USA) e il Messico (50 dollari USA), mentre molti Paesi non hanno una soglia de minimis in vigore. I valori de minimis di sono stati ricavati da global-express.org a partire da ottobre 2021, data di pubblicazione dell'elenco.

Cambiamenti nel settore per adattarsi all'e-commerce

L'ascesa dell'ecommerce come piattaforma globale per beni e servizi, soprattutto negli ultimi tre anni, non è certo avvenuta senza sfide. È sempre più evidente che i processi attuali non riescono a tenere il passo con la domanda in tutti i settori.

La U.S. Customs and Border Protection (CBP) e altre Agenzie governative partner (PGA) hanno fatto passi avanti nell'implementazione di regolamenti per monitorare l'importazione di prodotti di commercio elettronico. Nel 2018 il CBP ha pubblicato il piano strategico per il commercio elettronico , che evidenzia le sfide della regolamentazione della catena di fornitura del commercio elettronico , oltre alle azioni che l'agenzia intraprende per regolamentare le importazioni.

Elaborazione degli ingressi: Uno dei cambiamenti attuati dal CBP è stato il programma pilota per gli ingressi nel commercio elettronico. I pacchi di commercio elettronico che entrano negli Stati Uniti possono essere sdoganati utilizzando il processo Section 321 Entry Type 86. Si tratta di un programma pilota volontario di un anno avviato nel luglio 2019 per le spedizioni de minimis che arrivano per via aerea, camion e ferrovia.

Nel dicembre 2019 le dogane hanno pubblicato su l'avviso 2019-26445 del Registro federale, annunciando che il progetto pilota sarebbe stato prorogato di un altro anno, fino all'agosto 2021, e sarebbe stato aperto alle spedizioni oceaniche attraverso tutti i porti commerciali di ingresso, nonché alle spedizioni che si spostano in una zona di commercio estero (FTZ). La sezione 321 è un tipo di ingresso presso il CBP che sostituisce un ingresso formale (tipo 01) o informale (tipo 11).

I regolamenti consentono a ogni persona di effettuare una spedizione della Sezione 321 al giorno con un valore di mercato equo pari o inferiore a 800 dollari. Le spedizioni di valore de minimis possono comunque essere sdoganate attraverso il normale processo di sdoganamento, utilizzando una procedura di ingresso formale o informale. Nel luglio 2020 il CBP ha stabilito che i centri di approvvigionamento e i magazzini nazionali sono riconosciuti come "un'unica persona" per la merce invenduta.

I dazi, le imposte e le tasse non sono dovuti per le entrate della Sezione 321, che includono le tariffe applicabili della Sezione 301. Il tipo di entrata 86 è stato creato per consentire agli autocompilatori e agli intermediari doganali di presentare elettronicamente le entrate de minimis attraverso l'Automated Commercial Environment (ACE). In precedenza, questi ingressi dovevano essere autorizzati manualmente dal CBP al porto di ingresso.

Sebbene le voci della Sezione 321 Tipo 86 possano facilitare il processo per tutte le parti coinvolte, ci sono alcune cose da tenere a mente. Il CBP esamina più da vicino queste spedizioni, soprattutto per una valutazione accurata che garantisca che le merci non superino il valore de minimis di 800 dollari. Alcuni tipi di prodotti non possono essere sdoganati tramite la procedura della Sezione 321, come i prodotti che richiedono ispezioni prima dell'ingresso e le merci soggette a dazi antidumping e compensativi, per citarne alcuni.

Duty-Free: qual è la fregatura?

L'aumento delle transazioni di e-commerce ha portato anche a un incremento delle merci contraffatte che entrano nell'economia statunitense. Spesso i consumatori sono portati a credere che i prodotti che acquistano siano autentici, ma poi si scopre che i prodotti sono inferiori a quelli veri.

In un recente articolo pubblicato nella Newsroom del CBP, le violazioni dei diritti di proprietà intellettuale (DPI) sono rimaste abbastanza stabili, ma il prezzo al dettaglio consigliato dal produttore (MSRP) è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. Nell'anno fiscale 2020 sono stati sequestrati beni per violazione dei DPI per 1,31 miliardi di dollari e l'importo è aumentato del 152% fino a 3,3 miliardi di dollari nell'anno fiscale 2021.

Il grafico seguente mostra le statistiche del valore del MSRP nei sequestri di DPI dal 2010 al 2021 secondo il sito CBP's IPR Annual Seizure Statistics.

Valore MSRP nei sequestri di DPI dal 2010 al 2021 

Barriere transfrontaliere: La conduzione di un'attività commerciale in mercati diversi comporta diversi ostacoli quando si tratta di normative sui prodotti, sull'etichettatura, sui trasferimenti di tecnologia e sugli investimenti esteri. I Paesi possono stabilire restrizioni su chi può vendere prodotti all'interno dei loro confini e potrebbero richiedere licenze speciali, una presenza locale o persino l'obbligo di rendere disponibili prodotti locali oltre ai propri. Alcuni Paesi, come l'India, vietano gli investimenti di investitori stranieri in alcune interazioni di commercio elettronico.

Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato l'Export Control Act del 2018 (ECRA) che include il Foreign Investment Risk Review Modernization Act (FIRRMA). L'ECRA richiede la creazione e il mantenimento di un elenco contenente articoli controllati, entità o persone straniere e utenti finali che rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. Inoltre, stabilisce le aspettative delle licenze di esportazione per vietare le esportazioni, le riesportazioni e i trasferimenti all'interno del Paese non autorizzati. Sebbene i prodotti tangibili possano essere inviati con modalità di trasporto diverse dall'e-commerce, l'ascesa dell'e-commerce apre la porta e rende molto più facile l'invio di beni o tecnologie a soggetti sconosciuti o illeciti.

Problemi di sicurezza: La Food and Drug Administration (FDA) ha inoltre ribadito che i requisiti normativi rimangono gli stessi, sia che il valore sia inferiore agli 800 dollari de minimis sia che si tratti di una spedizione di valore superiore. La minaccia di prodotti illegali, illeciti e/o pericolosi continua a essere una grande preoccupazione per l'FDA, soprattutto negli ultimi anni con l'estremo aumento dei prodotti legati alla COVID-19. Secondo i dettagli riportati sul sito CBP.gov Newsroom, il 16% dei sequestri è avvenuto nel settore delle spedizioni espresse, l'80% nella posta in entrata e circa il 77% di questi sequestri ha avuto origine in Cina.

Prodotti COVID-19 Totale sequestrato nel 2021
Kit di test vietati dalla FDA 280
Maschere facciali contraffatte 717,741
Compresse di clorochina vietate dalla FDA 526
 

Possibilità di maggiori restrizioni: Poiché l'ecommerce è cresciuto in modo così repentino, ha superato lo sviluppo e l'implementazione di leggi pertinenti per regolare questo tipo di commercio. Il forte aumento delle spedizioni de minimis che entrano negli Stati Uniti ha attirato persino l'attenzione dei politici.

Il deputato Earl Blumenauer (D-OR), presidente della sottocommissione per il commercio della Camera, è e sta spingendo per ottenere restrizioni significative sulla Sezione 321. Il sito web del presidente Blumenauer, pubblicato nel gennaio 2022, include i link per la sintesi e per il testo completo della legislazione. Gran parte del disegno di legge Import Security and Fairness Act parla dell'estremo squilibrio tra il valore de minimis degli Stati Uniti (800 dollari) e quello della Cina (7 dollari) e della necessità di livellare il campo di gioco, in modo che la Cina e altri Paesi smettano di trarre vantaggio dagli Stati Uniti.

L'Organizzazione Mondiale delle Dogane (OMD) ha aggiornato nel giugno 2022 il Framework of Standards on Cross-Border Ecommerce , aggiornato l'ultima volta nel 2018. Con l'aumento delle spedizioni di ecommerce, è stato considerato un passo importante aggiornare gli standard globali per il commercio elettronico transfrontaliero, in modo da garantire una ragionevole ed efficiente riscossione delle entrate e la protezione del pubblico.

Tuttavia, non si tratta di una politica obbligatoria messa in atto dai Paesi stessi. L'auspicio dell'OMD è che il quadro sviluppato e aggiornato crei l'aspettativa che i suoi membri implementino gli stessi standard e che, a loro volta, i governi e le autorità doganali dei Paesi membri traggano vantaggio dalle linee guida.

Negli ultimi 22 anni, l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) ha pubblicato 11 documenti relativi all'e-commerce e più della metà sono stati creati negli ultimi cinque anni. Il toolkit di standard per il commercio transfrontaliero senza carta: Accelerating Trade Digitalization Through the Use of Standards è un insieme di linee guida per determinare le potenziali lacune nel settore dell'e-commerce e contribuire a promuovere standard simili tra tutti i membri. Per saperne di più, contattate uno dei nostri esperti di politica commerciale .

Risorse


Le nostre informazioni sono raccolte da una serie di fonti che, al meglio delle nostre conoscenze, sono accurate e corrette. È sempre intenzione della nostra azienda presentare informazioni accurate. C.H. Robinson non si assume alcuna responsabilità per le informazioni pubblicate nel presente documento.

Rivedi le prospettive recenti

warehouse employees looking at a clipboard with freight boxes

Hai domande relative al commercio o alle tariffe?