Commercio recente & Prospettive tariffarie

10 agosto 2022 | Kevin Koch Responsabile senior dello sviluppo prodotti

vista ravvicinata di cartamoneta in varie valute 

La legge CHIPS e le prospettive per la politica commerciale e le tariffe negli Stati Uniti

Ascolta la rubrica Trade & Tariff Perspective di questa settimana:


La legge CHIPS e la legge sulla scienza: Cosa c'è dentro?

Sapevate che attualmente solo il 12% dei chip è prodotto a livello nazionale, rispetto al 37% del 1990? Il governo degli Stati Uniti sa bene che molti concorrenti stranieri stanno investendo molto per dominare questo settore. In risposta, l'amministrazione Biden ha appena firmato la legge "Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors in America Act", che prevede più di 50 miliardi di dollari di sovvenzioni per la produzione e la ricerca sui semiconduttori negli Stati Uniti e che darà impulso agli sforzi per rendere gli Stati Uniti più competitivi per quanto riguarda gli sforzi scientifici e tecnologici. Leggete una sintesi sezione per sezione delle disposizioni chiave.

Cosa non c'è nei CHIPS? Accantonamenti commerciali

Se vi state chiedendo che fine abbiano fatto le disposizioni commerciali previste dal Senate's U.S. Innovation and Competition Act e dal House's America Competes Act, sembra che siano state escluse da questa legge per mantenere l'attenzione sul sostegno all'industria dei semiconduttori e per incentivare gli sforzi scientifici e tecnologici in patria.

Il titolo commerciale di queste proposte di legge comprendeva diversi punti rilevanti per il commercio globale e le tariffe, tra cui, ma non solo, il ripristino e il rinnovo del Sistema di preferenze generalizzate (SPG) , il rinnovo del Miscellaneous Tariff Bill (MTB) , l'estensione di alcune esclusioni dai dazi della Sezione 301 per la Cina, la richiesta di un nuovo processo di revisione delle esclusioni dai dazi per le merci soggette ai dazi cinesi e le modifiche alle spedizioni de minimis (quando il valore immesso nel commercio è inferiore a 800 dollari). Dovremo aspettare e vedere cosa succederà tra gli sforzi legali, esecutivi e congressuali in merito a queste voci commerciali. 

Qual è la nostra posizione sulle tariffe cinesi della Sezione 301?

Fronte legale: Recenti azioni del Rappresentante del Commercio degli Stati Uniti (USTR) presso la Corte del Commercio Internazionale

La precedente amministrazione ha imposto tariffe nel 2018 e nel 2019 sui beni cinesi in quattro tranche:

  • Elenco 1: con un valore di carico di 34 miliardi di dollari
  • Elenco 2: 16 miliardi di dollari
  • Elenco 3: 200 miliardi di dollari
  • Elenco 4a: Copertura di 120 miliardi di dollari
Grafico che illustra la decodifica della guerra commerciale USA-Cina 

Da allora, migliaia di importatori hanno contestato queste tariffe presso la Court of International Trade (CIT), sostenendo che l'amministrazione non poteva cambiare la sua decisione iniziale di imporre tariffe su beni cinesi per un valore di 50 miliardi di dollari - le prime due liste - senza una nuova indagine della Sezione 301.

Nell'aprile 2022, la CIT ha rilevato che l'amministrazione ha agito nel rispetto della sua autorità ai sensi della Sezione 301 del Trade Act del 1974, ma ha anche scoperto che l'USTR non ha risposto in modo appropriato ai commenti delle parti interessate sulle modifiche apportate agli elenchi dopo la loro proposta. La CIT ha chiesto all'USTR di riconsiderare le tariffe o di spiegare ulteriormente le sue "motivazioni per l'imposizione delle tariffe e, se necessario, le ragioni dell'USTR per inserire i prodotti negli elenchi o per rimuoverli da essi".

Questo ci porta al 1° agosto, quando l'USTR ha recentemente presentato un documento di 90 pagine in cui spiega le ragioni delle azioni intraprese. In sostanza, alcuni prodotti sono stati eliminati a causa della loro scarsa disponibilità al di fuori della Cina e perché l'USTR non riteneva che le tariffe su tali prodotti avrebbero costretto la Cina a cambiare il suo comportamento. Inoltre, secondo il rapporto, molti dei commenti del pubblico volti a modificare o escludere le tariffe non hanno raggiunto "il livello di commenti che il Rappresentante del Commercio ha deciso di prendere in considerazione eliminando i prodotti".

Entrambe le parti dovranno presentare entro il 15 agosto un rapporto congiunto sullo stato di avanzamento dei lavori con una proposta di calendario procedurale per "l'ulteriore disposizione di questa controversia".

Il fronte dell'USTR: In corso la revisione statutaria delle tariffe della Sezione 301

L'agenzia sta ancora effettuando una revisione obbligatoria di quattro anni di tutte le tariffe cinesi della Sezione 301, come previsto dallo statuto commerciale utilizzato per imporle. Potrebbero essere necessari ancora diversi mesi prima che vengano prese delle decisioni. L'agenzia ha in programma di riassumere tutti i commenti ricevuti in un Registro Federale in cui saranno indicate le prossime fasi del processo di revisione delle tariffe.

Inoltre, all'inizio di questa primavera l'USTR ha fatto una mossa per estendere alcune, ma non tutte, le esclusioni precedentemente concesse dai dazi cinesi per le spedizioni sdoganate dalla U.S. Customs and Border Protection tra l'ottobre dello scorso anno e la fine dell'anno solare in corso.

È possibile che l'USTR conduca un'altra revisione per estendere i dazi o riconsiderare le esclusioni e/o il processo per esentare alcuni prodotti dai dazi cinesi.

Fronte esecutivo: Ancora nessuna decisione annunciata in merito alla direzione della Sezione 301 delle tariffe cinesi

All'inizio di luglio, si è speculato sul fatto che l'amministrazione Biden potrebbe presto prendere una decisione in merito alla revoca o meno dei dazi sulla Cina e al loro grado di modifica. Da alcune interviste rilasciate dall'amministrazione Biden, è emerso che l'amministrazione stava riflettendo su una possibile decisione e che ci si aspettava che ne prendesse una a breve riguardo alla strada da seguire per le tariffe. Tuttavia, da quel primo momento di attività è passato un po' di silenzio.

A cosa devono prestare attenzione gli spedizionieri per quanto riguarda la politica commerciale?

Con la recente approvazione della legge CHIPS e della legge sulla scienza, sembra molto improbabile che le disposizioni commerciali e tariffarie delle precedenti proposte di legge vengano mantenute. Queste proposte dovranno trovare nuovi veicoli legislativi a cui agganciarsi per essere promulgate e/o rinnovate. Anche in questo caso, gli argomenti includono, ma non si limitano a:

  • Rinnovo del programma di benefici del Sistema di preferenze generalizzate: un programma di preferenze commerciali che consente alle aziende di importare determinati prodotti in esenzione doganale dai Paesi beneficiari, scaduto alla fine del 2020.
  • Rinnovo del Miscellaneous Tariff Bill, un programma che fornisce importanti vantaggi di risparmio sui dazi, temporaneamente, sulle merci importate negli Stati Uniti, anche questo scaduto alla fine del 2020.
  • Modifiche alla legge sui rimedi commerciali e disposizioni per le esclusioni dei dazi cinesi della Sezione 301
  • Modifiche all'ammissibilità delle prestazioni di spedizione de minimis
  • Indirizzare l'amministrazione a riavviare il processo di esclusione della Sezione 301.

C.H. Robinson continuerà a monitorare questi eventi esecutivi e legislativi per tenervi informati sulle tendenze della politica commerciale e dell'applicazione delle norme doganali e per aiutarvi a comprendere le implicazioni per la vostra attività. Per qualsiasi domanda, contattate i nostri esperti doganali. Iscrivetevi ai nostri avvisi per i clienti e agli approfondimenti su commercio e tariffe per essere avvisati in caso di modifiche. Per saperne di più, contattate uno dei nostri esperti di politica commerciale.

Risorse


Le nostre informazioni sono raccolte da una serie di fonti che, al meglio delle nostre conoscenze, sono accurate e corrette. È sempre intenzione della nostra azienda presentare informazioni accurate. C.H. Robinson non si assume alcuna responsabilità per le informazioni pubblicate nel presente documento.

Rivedi le prospettive recenti

warehouse employees looking at a clipboard with freight boxes

Hai domande relative al commercio o alle tariffe?